Vai alla navigazione principale Vai al contenuto Vai al piè di pagina
Torna a Blog

Cose da vedere a Bath

a bench in front of a building

I Romani giunsero in questa vallata circa 2000 anni fa e incantati dal miracoloso flusso di acqua calda, vi restarono per secoli. Le famose Terme di Bath furono costruite dell’imperatore Vespasiano nel 75 DC. Le vestigia meticolosamente restaurate dell’eccezionale struttura delle terme e del tempio attraggono ogni anno migliaia di visitatori. Nel XVIII secolo Bath divenne il più importante centro termale del paese. A oggi i bagnanti possono godere del nuovo centro termale, adiacente alle antiche terme romane.

Terme Romane di Bath

I romani non furono i primi a scoprire le sorgenti di acqua calda, ma i primi a trarne vantaggio. Grazie alla loro abilità ingegneristiche, non fu difficile per loro incanalare l’acqua delle sorgenti in un enorme serbatoio in pietra rivestito di piombo che alimentava le terme. Un sistema di straripamento, attivo ancora oggi, consentiva all’acqua in eccesso di confluire nel fiume Avon. Furono realizzate tre piscine, una più fredda della precedente, dove i frequentatori si incontravano per nuotare, fare affari, giocare d’azzardo, partecipare a giochi e assistere a spettacoli.
Nella Bath romana, oltre alle terme, si erge un tempio dedicato a Sulis Minerva, sostenuto da quattro massicce colonne ed edificato in un cortile aperto. La spaventosa testa, in cui si fondono elementi della dea marina e di una gorgone, lanciava uno sguardo minaccioso dal frontone centrale, mentre all’interno si ergeva la statua in bronzo dorato della graziosa dea Sulis Minerva.
Successivamente alla ritirata romana dalla zona, le terme furono sommerse dal fango e la gloria del tempio e del complesso fu dimenticata. Fu per merito del vescovo John de Villula che la zona fu riqualificata, grazie alla costruzione di nuova piscina, il King’s Bath.

a pool od water inside of a building

Terme romane di Bath prezzi

 

Biglietti terme romane Giorni festivi Giorni feriali
Adulti (19+) 19.50 17.00
Studenti (con documento) 18.50 16.00
Senior (65+) 18.50 16.00
Bambini (6-18) 12.00 9.50
Famiglie (2 adulti e fino a 4 bambini 51.oo 43.00

Sono disponibili delle valide audioguide in italiano

Terme romane di bath orari

Gennaio, Febbraio 9.30am-6pm;

Marzo fino a Meta’ Giugno 9am-6pm;

Meta Giugno e Agosto  9am-10pm;

Settembre e Ottobre 9am-6pm;

Novembre e Dicembre 9.30am-6pm.

Abbazia di Bath

La facciata orientale ritrae l’incoronazione del primo re dell’Inghilterra unita, Edgardo. Sulla facciata occidentale invece, possiamo trovare gli angeli che scendono da scale di pietra e due piante di ulivo, che rappresentano la visione del vescovo Oliver King, che nel 1499 sembrerebbe aver sognato, oltre agli angeli che volavano tra paradiso e mondo, un albero di ulivo, che aveva una forte assonanza col proprio nome, come segno che lo rivelava il prescelto per il restauro dell’abbazia.

Bath Abbey è la chiesa parrocchiale della città, nota come “la lanterna dell’Occidente” per via della luce che ne pervade l’interno. Conseguentemente alla dissoluzione dei monasteri avvenuta nel 1539 da Enrico VIII, la Bath Abbey perde il titolo di Abbazia. Ciononostante le costruzioni religiose continuarono a essere al centro delle politiche di restauro dei sovrani: fu proprio Elisabetta I che avvio i primi lavori di restaurazione e miglioria.

Abbey Church Yard è una imponente piazza che offre accesso all’abbazia di Bath, alle terme romane, alla pump room, ai negozi e ai ristoranti. Nei primi anni del settecento, lo scrittore Daniel Defoe descrisse con biasimo questa zona come un “luogo di gentaglia, gioco d’azzardo e frivolezze”.

the vault of a church

Bath Circus

Complesso residenziale circolare costruito della seconda metà del settecento dall’architetto John Wood il vecchio. La struttura circolare dell’edificio conta 33 abitazioni, tre registri di colonne in stile dorico, ionico e corinzio.

Il Circus ha lo stesso diametro di Stonehenge. Si dice che l’orientamento di Stonehenge sia costruito attorno al sorgere e al tramonto del sole, mentre si dice che il Circus rappresenti il sole e il Royal Crescent la luna. Coincidenza?

a view of a city

Royal Crescent

Il Royal Crescent, uno dei monumenti più iconici di Bath, fu costruito tra il 1767 e il 1775 su progetto di John Wood the Younger. Questo imponente punto di riferimento è disposto intorno a un prato perfetto che si affaccia sul Royal Victoria Park e forma una vasta mezzaluna di 30 case a schiera classificate di Grado I (Importanza massima per la conservazione del patrimonio architettonico). È senza dubbio uno dei più grandi esempi di architettura georgiana nel Regno Unito.

a field in front of a circular building

Last, but not least, tra le cose da vedere a Bath sono il quartiere Upper Town, Walcot street, Grand Parade (zona della Bath alla moda), Guildhall (il municipio), Pulteney Bridge, il caratteristico mercato al coperto Bath Guildhall Market, Great Pulteney Street e North Parade.

a bridge over a river

Claudia Nardini

Skip to toolbar