Vai alla navigazione principale Vai al contenuto Vai al piè di pagina
Torna a Blog

British Library

a statue in front of a big red brick building

La British Library è uno spazio vivo e pulsante di storia e di cultura dove circa mezzo milione di studenti e ricercatori ogni anno consultano un patrimonio letterario in continua crescita. Ebbene si, ricevendo una copia gratuita di ogni opera pubblicata sia nel Regno Unito che in Irlanda, compresi quotidiani nazionali e documenti elettronici, la collezione cresce costantemente ed è perciò impossibile fare una stima esatta di tutte le opere presenti al suo interno (ad oggi si pensa siano circa 170 milioni). Istituita nel 1973 e custodita fino al 1997 nella “Reading Room”, la storica sala lettura circolare che si erge imperiosa al centro della “Great Court” nel cuore del British Museum, la British Library si trova attualmente a Euston Road nella nuova sede accanto alla stazione di St. Pancras. Un edificio moderno e funzionale che ospita al suo interno alcune rarità uniche come la “The King’s Library”, la libreria reale del sovrano Giorgio III, ottantacinque mila volumi esposti in una torre di vetro alta sei piani, posta al centro dell’edificio.

Treasures Gallery” è la collezione permanente visitabile gratuitamente, qui si possono ammirare:

  • La scrivania dove Jane Austen ha scritto i suoi romanzi, scritti originali di Charles Dickens e il Primo Folio di Shakespeare.
  • Manoscritti e partiture di celebri musicisti come Back, Mozart e Beethoven.
  • Una versione originale della Magna Carta Libertatum.
  • I taccuini con gli appunti di Leonardo Da Vinci.
  • La  mostra Art of the Book dedicata alle artiste che utilizzano i libri per realizzare le loro opere d’arte: Karen Bleitz, Joumana Medlej, Christine Tacq e Angela Lorenz.
  • Una sezione dedicata ai Beatles.
  • Una lettera dello scrittore, compositore e attivista contro la schiavitù Charles Ignatius Sancho.
  • Testi sacri in tutto il mondo, compreso un testo sacro Bahá’í, una tavoletta scritta dal Báb sotto forma di una stella a cinque punte e un manoscritto Indù scritto su una foglia di palma.
  • Illustrazioni anatomiche di Michelangelo, il diagramma originale delle cause di mortalità dell’esercito inglese di  Florence Nightingale.
  • Alcune delle prime mappe del mondo e una delle prime fotografie in assoluto della luna.

a glass display case

Tra le mostre temporaneee più interessanti c’è stata nel 2018 quella dedicata al maghetto più celebre di tutti i tempi: “HARRY POTTER, A History of Magic”, questo il titolo della mostra che segna 20 anni dalla prima pubblicazione di “Harry Potter e la Pietra Filosofale”, il primo dei sette fortunatissimi volumi che ha dato il via a un fenomeno letterario senza precedenti. All’ interno era possibile scoprire tutto il sistema di tradizioni, miti e credenze popolari dal quale J.K. Rowling ha attinto per la stesura del suo capolavoro, esplorando alcune delle materie apprese da Harry e dai suoi amici alla Scuola di Magia e Stregoneria di Hogwarts, attraverso la ricchezza delle collezioni della British Library e di alcuni documenti originali scritti direttamente dall’autrice.

La British Library ha l’ingresso gratuito, alcune mostre temporanee hanno il biglietto ma l’esposizione permanente e’ sempre ad ingresso libero.

Indirizzo: 96 Euston Rd, Kings Cross, London NW1 2DB

orari mostre, gallerie e negozio: Lun 9.30-18.00, Mar 9.30-20.00, Mer-Ven 9.30-18.00, Sab 9.30-17.00, Dom 11.00-17.00

Mario Vittoria

Skip to toolbar