Vai alla navigazione principale Vai al contenuto Vai al piè di pagina
Torna a Blog

Barbican

a man jumping in the air doing a trick on a skateboard

In una città grande e chiassosa come Londra, alle volte sembra impossibile immaginare angoli di pace e silenzio. Ciò nonostante è possibile trovarne alcuni, anche nel cuore della City of London.

Oggi vi vogliamo parlare del Barbican Estate e Barbican Centre. Definirlo semplicemente un complesso residenziale non darebbe merito alla maestosità del luogo e all’innovazione che il progetto portò nella capitale inglese negli anni 60′. Situato nel quartiere finanziario della City, vicino alle vecchie mura della vecchia Londinium romana, il Barbican è un’oasi felice di relax, arte, musica e cultura.

La zona, gravemente danneggiata dalla bombe tedesche durante la seconda guerra mondiale, vide un piano di rinnovamento con un progetto che era prima di tutto pratico: allestire un vicinato di case, palazzi e appartamenti per i lavoratori delle banche e big corporation della City. Il risultato fu molto più grande. Esteso su una superficie di 14 ettari, Il complesso residenziale di Barbican viene costruito in stile Brutalista, termine che nasce proprio in Inghilterra e si inspira alle opere francesi di Le Corbusier. Si caratterizza per delle costruzione dure, rudi che adoperano prevalentemente cemento a vista. Se vi addentrate nel Barbican Estate troverete un’area di serenità dove l’imponenza del cemento si affianca alle piccole lagune artificiali, piscinette e piccoli parchi. Nel cuore del complesso, poi, troverete in Barbican Centre. Si tratta del centro teatrale più grande del Vecchio Continente. Ma non è solo un teatro. Al suo interno troverete una grande libreria, uno spazio mostre e un giardino botanico.. insomma quel si dice un fiore nel cemento! Inoltre, grazie all’adiacente scuola di dramma e teatro “Guidhall”, non è raro trovare qualche studente intento ad esercitarsi nella musica, regalandovi un’originale colonna sonora che animerà la vostra visita.

Insomma un piccolo gioiello per gli amanti dell’architettura, ma anche di arte, cultura, musica. Un posto magico dove è possibile rilassarsi, concedendosi una pausa dalla chiassosa routine londinese. Ma anche un luogo dove la maestosità del passato, ancora vivibile nei resti delle mura romane, convive con le promesse di un futuro tecnologico.

Last but not least, il centro è così bello che pure Banksy vi ha lasciato il segno con due bellissime opere in omaggio all’artista Basquiat!

murales on a wall

Barbican Center

Barbican Hall:

è uno dei migliori auditorium inglesi con eccellenti risorse tecniche, un design brillante e un’acustica eccellente.
capacità 1.943. Sede della London Symphony Orchestra e della BBC Symphony Orchestra.

Barbican Theatre:

Con 1156 posti a sedere, il Barbican Theatre ha un’atmosfera intima senza posti a sedere situati a più di 20 metri dal palco. È un luogo ideale per conferenze, cerimonie di premiazione o eventi privati. Tutti gli ospiti hanno una visuale eccellente con posti a sedere a più livelli.

Capacità 1.156; progettato esclusivamente da e per la Royal Shakespeare Company 

The Pit:

Teatro da 200 posti

Barbican Art Gallery

Dall’apertura della Barbican Art Gallery nel marzo 1982, il programma di arti visive ha abbracciato arte, architettura, design, moda, fotografia e cinema. L’Archivio permette di ripercorrere i decenni per scoprire mostre ed eventi passati nella Galleria d’Arte, in The Curve, in luoghi intorno al Barbican e fuori sede. La serie di commissioni Curve è in corso dal 2006 e presentiamo anche commissioni e mostre più piccole nei Barbican Foyers.

Barbican Film:

3 schermi cinematografici con una capienza di 288, 156 e 156 posti

Barbican Library:

Biblioteca di prestito pubblico con collezioni speciali di arte e musica

Ristoranti:

Barbican Kitchen, Osteria, Bonfire

Cosa vi serve ancora per convincervi a esplorare questo piccolo angolo di paradiso?!

Metro più vicine: Barbican (Circle Line, Metropolitan Line, Hammersmith and City line), St. Paul (Central Line), Moorgate (Northen Line)

 

Claudia Nardini

Skip to toolbar