Vai alla navigazione principale Vai al contenuto Vai al piè di pagina
Torna a Blog

Ristoranti 2 e 3 stelle Michelin a Londra

a room with a couch and table in a restaurant

French Cuisine

Pétrus di Gordon Ramsay ***

www.gordonramsayrestaurants.com / 68-69 Royal Hospital Road, SW3 4HP / Prezzo: 75 – 195 GBP

La punta di diamante di Gordon Ramsay a Chelsea ha ottenuto il massimo riconoscimento di tre stelle Michelin nel 2001 e da allora le ha conservate, un segno di eccellenza, qualità e dedizione. Prende il nome da uno dei migliori vini del mondo, il Château Pétrus, ed è la scelta perfetta per il pranzo o la cena gustando l’eccezionale lista dei vini compreso il  Pétrus. Per un’esperienza più intima si cena al Kitchen Table con un menu degustazione di sette portate su misura. Gordon Ramsay rimane fermamente impegnato a mantenere gli standard più elevati nel suo ristorante, elegante ma rilassato. Jean-Claude, che gestisce il ristorante dal primo giorno, supervisiona un team che mantiene il servizio perfetto, professionale con personalità. Il capo chef  che è ora comproprietario, Matt Abé,  interpreta in modo impeccabile la filosofia dello stile di Ramsay, il ché significa che i piatti sono squisitamente eseguiti, con contrasti di sapore perfettamente giudicati, una leggerezza del tatto e un bordo sobrio. Il menu offre molti piatti, come i ravioli di aragosta, che potremmo chiamare “Classic Ramsay“, ma ci sono anche piatti più recenti, come l’animella arrosto con topinambur. 

Da provare:

Ravioli di aragosta, scampi e salmone con acetosa

Piccione arrosto con barbabietola, more marinate e grano saraceno

Parfait di praline di noci pecan, gelato Pedro Ximenez e granella di cacao

Alain Ducasse al The Dorchester ***

www.alainducasse-dorchester.com / Park Lane, W1K 1QA / Prezzo: 70 – 185 GBP 

La cucina fornisce i migliori prodotti britannici e i piatti sono visivamente sorprendenti con sapori audaci e generosi. Le salse sono un punto culminante ed è difficile resistere al caratteristico Rum Baba. L’ambiente è moderno, semplice ed elegante. La sala da pranzo è contemporanea, morbida ed elegante e mostra la bellezza disadorna di materiali naturali come pelle, legno e tessuti con un effetto sorprendente. Ricordando un giardino inglese informale, l’interno presenta un’audace e lussuosa tavolozza di verde e grigio antracite, contrapposta a un’illuminazione atmosferica attentamente studiata e alla delicata materialità dei luminosi riflessi in ottone. L’approccio alla cucina di Alain Ducasse è interpretato da un team guidato dallo stile caratteristico dell’Executive Chef Jean-Philippe Blondet. La genialità tecnica della cucina francese, con un focus sulle salse, è resa viva dai migliori prodotti stagionali, acquistati al loro apice da fornitori britannici e francesi. Coco Chanel una volta ha affermato che “il lusso deve essere comodo, altrimenti non è lusso”, e nell’elegante avamposto londinese di Alain Ducasse, il team affascinante e professionale capisce chiaramente che ciò che è della massima importanza è far sentire a proprio agio il commensale. Sebbene molte delle firme tanto amate di Ducasse siano ancora in evidenza, lo chef Jean-Philippe Blondet ha messo il suo timbro sul menu, quindi troverai classici francesi come il ‘sauté gourmand’ di aragosta accanto a piatti più originali come il cavolo cappuccio fermentato con caviale e bacche di ginepro. 

Da provare:

Sauté gourmand” di aragosta e quenelle di pollo al tartufo

Halibut, ostriche e alghe

“Baba come a Monte-Carlo”

Claude Bosi al Bibendum **

www.claudebosi.comMichelin House, 81 Fulham Road, SW3 6RD / Prezzo 75 – 165 GBP 

Bibendum si trova al primo piano dello storico edificio art déco che è stato costruito come quartier generale della Michelin a Londra nel 1911 e i suoi splendidi interni non lasciano indifferenti, le vetrate colorate rendono lo spazio luminoso. La cucina di Claude Bosi mostra un uomo orgoglioso della sua eredità francese e fiducioso delle sue capacità. I suoi piatti sono equilibrati e ben bilanciati con sapori decisi e sicuri. C’è anche un Oyster Baral piano terra,  sebbene qui i crostacei siano il punto forte è aperto per le colazioni offre molti altri deliziosi piatti in stile bistrot. Il servizio è favoloso, in particolare, lo stesso Claud Bosi lavorava costantemente nella sala. Il Menu  superbamente ben bilanciato. Cucina intelligente senza troppi complimenti per ottenere sapori incredibilmente intensi in ogni piatto.
Interessanti anche gli abbinamenti di vini. 

Da provare:

Gelatina d’anatra, storione affumicato, caviale Daurenki selezione speciale

Coniglio di Bretagna con scampi scozzesi e dragoncello francese

Soufflé al cioccolato al 100% con gelato alla vaniglia del Madagascar

Le Gavroche **

www.le-gavroche.co.uk / 43 Upper Brook Street, W1K 7QR / Prezzo: 76 – 178 GBP 

Inaugurato nel 1967, questo iconico ristorante è stato un protagonista nella storia culinaria del dopoguerra in UK, mentre scendi le scale nell’intima sala da club, verrai trasportato indietro nel tempo. L’atmosfera è formale ma accogliente allo stesso tempo. Il menu è un omaggio ai piatti classici francesi, raffinati e sofisticati, che deliziano e soddisfano in egual misura. Quando è stato aperto più di 50 anni fa, la scena gastronomica di Londra era quasi inesistente su scala globale. Oggi, Londra è un leader del settore, un crogiolo di talenti culinari e gastronomia internazionale, influenzata in gran parte da Le Gavroche, che ha incoraggiato una cucina esigente e ha attirato chef di fama internazionale nella sua cucina. Nel corso degli anni, chef come Gordon Ramsay, Marco Pierre White, Marcus Wareing, Pierre Koffman, Monica Galetti, Jun Tanaka, Bryn Williams, Stephen Terry, Rowley Leigh, Paul Rankin e Brian Maule si sono tutti guadagnati il loro prestigio a Le Gavroche cucina prima di dare il proprio contributo alla capitale mondiale del cibo.

Da provare

Soufflé Suissesse

Chevreuil rôti, panisse et ail noir, genièvre et jus

Sablé et crème de châtaignes, chocolat amer, glace au lait

Modern Cuisine

Hélène Darroze al The Connaught ***

www.the-connaught.co.uk/restaurants-bars/helene-darroze-at-the-connaught/

Carlos Place, W1K 2AL / Prezzo: 65 – 140 GBP

Ogni ristorante ha bisogno di essere reinventato di tanto in tanto e il nuovo look della base londinese di Hélène Darroze dimostra che The Connaught non ha paura di andare avanti. Gli interni avvolgenti di Pierre Yovanovitch creano il tono perfetto per questa esperienza culinaria intima, la sala ora è più femminile e meno formale, notevolmente più calda e accogliente. Tonalità blush, linee curve e sedili in velluto e pelle profondi riflettono l’etica calda e accessibile del ristorante. Un lampadario in vetro soffiato blu e piani in legno a vista aggiungono un tocco audace e contemporaneo. Quasi ogni elemento è realizzato su misura, ponendo ancora una volta l’artigianato sotto i riflettori. Detto questo, c’è ancora un team di assistenza ben addestrato a disposizione per garantire che tutti siano assistiti. Quando si tratta della cucina – sotto l’occhio vigile del capo chef Hélène – l’attenzione rimane fermamente sulla qualità degli ingredienti, siano essi un aragosta della Cornovaglia o un gallo cedrone del Galles. I sapori di accompagnamento, comprese occasionali influenze internazionali, sono usati per esaltare questo si traduce in piatti che si fissano nella memoria. Il caratteristico dessert Baba con una scelta di Armagnac invecchiato da suo fratello Marc è un must. Ogni piatto è macinato con prodotti stagionali provenienti da agricoltori, produttori e coltivatori scelti con cura da Hélène.

Da provare:

Cornish brown e granceole, pomelo, lampong, ‘txangurro’

Gallo cedrone “Wellington”, rapa, miele di erica, bergamotto e whisky

Signature Baba

Kitchen Table **

www.kitchentablelondon.co.uk70 Charlotte Street, W1T 4QG / 150 – 195 GBP

Con soli 19 posti a sedere, l’atmosfera è molto conviviale e lo chef-proprietario James Knappett e il suo team esperto interagiscono con i loro clienti al banco, offrendo spiegazioni complete di ogni piatto. Una copia del menu viene presentata ai commensali a fine pasto. I prodotti sono tra i migliori che puoi trovare ei piccoli piatti ben presentati e armoniosamente bilanciati hanno un tocco creativo intelligente. Il servizio è ben coreografato e vale la pena provare gli abbinamenti di vini suggeriti.  Il menù degustazione fisso della cucina britannica contemporanea, si compone di 12 portate, che cambia giornalmente concentrandosi solo sui prodotti più freschi. Gli ospiti possono vedere Knappett e il suo team cucinare, servire e parlare con i clienti attraverso un menu degustazione di cucina europea contemporanea che porta molti dei tratti distintivi dei sapori britannici. Vini: Sandia Chang, moglie di James, Sommelier e General Manager di Kitchen Table, seleziona personalmente il coltivatore Champagne e vini nella cantina di Kitchen Table e ha compilato una lista dei vini di oltre 100 voci – principalmente vini pregiati meno conosciuti di piccoli produttori – per accompagnare i piatti di James.

Da provare:

Pelle di pollo croccante, mascarpone al rosmarino e marmellata di pancetta

Aragosta della Cornovaglia alla griglia con salsa di aragosta arrosto, barbabietola marinata, arancia e dragoncello

Rabarbaro in camicia, gelato al latte e meringa al pepe bruciato

Story **

www.restaurantstory.co.uk / 199 Tooley Street, SE1 2JX / Prezzo: 100 – 145 GBP 

La location in mezzo a due di due strade può essere un pò insolita, ma fa tutto parte dell’esperienza e, una volta seduto, ti divertirai a stare seduto nella tua piccola bolla a guardare il mondo che corre. I menù di Tom Sellers assumono un formato di degustazione e i piatti visivamente impressionanti sono realizzati con cura e precisione; gli ingredienti sono molto raffinati e le tecniche moderne tirano fuori il meglio da ogni elemento. Tocchi fantasiosi e giocosi arrivano in piatti come il pane. La sera, il menù è personalizzato in modo che gli ospiti che ritornano ricevano un’esperienza diversa dai neofiti, quindi chiedi se c’è qualcosa che vuoi avere di nuovo. Il concetto è così diverso e interessante, basato sui libri di storia. Non posso scrivere troppo per rovinare la sorpres! Il cibo è fantasioso, assolutamente delizioso e ben presentato. Il personale è affettuoso, attento e competente.

Da provare

Pane e ‘gocciolante’

Cervo, cavolfiore lievitato e ginepro

Mandorle e aneto

Modern French

Sketch (The Lecture Room & Library) ***

https://sketch.london/ 9 Conduit Street, W1S 2XG / Prezzo: 145 – 150 GBP 

Ci sono pochi ristoranti di Londra più vivavi e colorati del The Lecture Room & Library. Una volta seduto nella tua poltrona estremamente comoda, un team attento e professionale sará a disposizione per garantire che le tue aspettative siano soddisfatte. Il “piatto” principale viene circondato da una serie di piatti complementari e in breve tempo il tuo tavolo è coperto da un assortimento di degustazioni. Ogni elemento eccelle per struttura, composizione, eleganza e, soprattutto, sapore. Questa è una cucina originale, impeccabile ma anche generosa. L’intervento come interior design di India Madhavi si nota! Belli gli interni con divanetti rosa e stampe e litografie alle pareti di vari artisti. Imperdibile l’afternoon tea! Il posto è super fotografato e rientra nelle tappe degli instagrammers di tutto il mondo. Servizio e personale professionale e mai invadente. Poche parole per questo ristorante, se lo provate vorrete senz’altro tornaci, sia per una cena con amici, sia per una cena romantica e raffinata o anche solo per un tè pomeridiano all’interno di un’architettura affasciante, quale il palazzo che lo ospita. Il menù è composto da piatti particolari, unici, con ingredienti scelti ad arte per unirsi e creare un’esplosione di sapori.

Da provare:

Scampi scozzesi ‘5 modi’

Sella di cervo selvatico dello Yorkshire marinato al cumino, ginepro e pepe di Sarawak

Il “Grand Dessert” di Pierre Gagnaire

La Dame de Pic **

https://www.ladamedepiclondon.co.uk / 10 Trinity Square, EC3N 4AJ / Prezzo: 45 – 160 GBP 

L’avamposto londinese di Anne-Sophie Pic è un’affascinante brasserie deluxe situata nell’imponente Four Seasons Hotel. La sala principale è ariosa, chiara e  dai soffitti alti, molta luce e un po’ di opere d’arte cntemporanee. La cucina è radicata nelle classiche tecniche francesi ma consegnata in modo leggero e moderno, i piatti sono eleganti, raffinati e originali, con una grande attenzione ai dettagli più fini. La cucina fornisce prodotti di ottima qualità e gli accostamenti delicati di questi ingredienti sono stimolanti e intuitivi, senza elementi superflui nel piatto. La carta dei vini ben strutturata mette in risalto i vini della Valle del Rodano, sede del ristorante Maison Pic, l’istituzione di Valence di proprietà della famiglia Pic. Situato all’interno della splendida ex sede dell’Autorità portuale di Londra – ora sede del Four Seasons Hotel London in Ten Trinity Square – La Dame de Pic London è diventato uno dei migliori ristoranti francesi nella City di Londra. Oltre alla sala da pranzo principale, il ristorante dispone di un’intima sala da pranzo privata dove fino a 12 ospiti possono gustare un pranzo o una cena intima. Anne-Sophie Pic è la chef donna stellata Michelin più decorata al mondo, attualmente detiene otto stelle Michelin nei suoi cinque ristoranti. Per diverse generazioni la sua famiglia ha svolto un ruolo fondamentale nella storia della cucina francese. Il ristorante della sua famiglia, la Maison de Pic, a Valence, vinse originariamente tre stelle Michelin sotto il nonno Andre nel 1934 e più tardi, dopo che suo padre fu coinvolto, ottenne anche l’onore di ottenere tre stelle Michelin.

Da provare:

Berlingots

Caviale di branzino, “Come amava mio padre”, champagne

La millefoglie bianca

Modern British

CORE by Clare Smyth ***

www.corebyclaresmyth.com / 92 Kensington Park Road, W11 2PN  / Prezzo: 85 – 165 GBP

Core è un ristorante raffinato con un’enfasi sul cibo organico e sostenibile, proveniente dagli agricoltori e dai produttori alimentari del Regno Unito. C’è passione nel deliziare e condividere la curiosità e l’amore per il cibo genuino. Non è solo il cibo che fa un ristorante e qui al Core, Clare Smyth si concentra davvero sull’intera esperienza. Dal momento in cui arrivi, il suo team ti mette a tuo agio con una calorosa accoglienza. La stanza è elegante e le feste più grandi possono prenotare il lungo tavolo giù un paio di gradini, proprio accanto alla cucina. Scegli uno dei menu degustazione: “Core Classics”, che presenta piatti che Clare ha costantemente perfezionato nel corso degli anni, o “Core Seasons”, che vede costruzioni più contemporanee con un tocco “chic“. La forza della cucina risiede nella sua capacità di creare piatti moderni che offrono sapori e consistenze superbi ma in uno stile sobrio.

Da provare:

“Patate e uova” – dulse beurre blanc, aringhe e uova di trota

“Manzo e ostriche”: manzo Wagyu delle Highland e ostriche Porthilly

“Core-teser” – cioccolato, malto e nocciola

Traditional British

Dinner by Heston Blumenthal **

www.dinnerbyheston.co.uk  / 66 Knightsbridge, SW1X 7LA / Prezzo: 48 – 100 GBP 

Le ricerche culinarie di Heston Blumenthal lo hanno portato a ‘The Forme of Cury’ – uno dei più antichi libri di ricette d’Inghilterra – ed è da questo e da altri lavori storici che provengono piatti come ‘rice and meat’ e ‘frumenty’ (c.1390) – anche se il “polpo alla griglia con farro, brodo di mare affumicato e dulse sottaceto” non suonerebbe fuori luogo in nessun ristorante del XXI secolo. Ossessionata dalla coerenza, la cucina lavora con intelligenza, efficienza e attenzione ai dettagli per produrre piatti dall’aspetto apparentemente semplice ma dal gusto sublime. “A cena da Heston Blumenthal” ha mosso i primi passi alla fine degli anni ’90 con il fascino di Heston per la gastronomia storica. I gustosi gelati di fine Ottocento, il teatro delle esperienze culinarie Tudor e i piatti delle avventure di Alice nel Paese delle Meraviglie hanno tutti risuonato con il suo approccio unico alla cucina. Dedicato alla scoperta e all’evoluzione della ristorazione moderna, si è reso conto che l’eccitazione e l’ossessione per il cibo non sono nuovi fenomeni moderni. Insieme ad Ashley Palmer-Watts, i due chef hanno creato un menu che porta quelle scoperte e il fascino della storia in una nuova e moderna esperienza culinaria in evoluzione. Ricerca di libri di cucina del XIV secolo come quelli degli chef reali del re Riccardo II ai voli di fantasia di Lewis Carroll. Lavorando con gli storici del cibo, attingendo al mondo della biblioteca britannica e al team dell’Hampton Court Palace del re Enrico VIII, è nata quest esperienza culinaria molto moderna. L’interno del ristorante è stato concepito come un ritratto sottile ed elegante: contemporaneo e innovativo, ma attento alla tradizione. La sala da pranzo presenta pareti di vetro dal pavimento al soffitto, offrendo ai commensali una vista della cucina e del suo esclusivo sistema di pulegge. Modellate su una versione utilizzata dalla corte reale, le carrucole ruotano lo spiedo su un fuoco aperto. Le pareti dipinte di avorio sono decorate con applique da parete in porcellana su misura a forma di antichi stampi di gelatina e, naturalmente, la vista ininterrotta di Hyde Park chiude il cerchio con la storia.

Da Provare:

Mandarino, semifreddo di fegatini di pollo e pane grigliato (1500 circa)

Rib-eye di Hereford, ketchup di funghi e patatine triple cotte (1830 circa)

Torta Tipsy con ananas allo spiedo (1810 circa)

Chinese

A. Wong **

www.awong.co.uk / 70 Wilton Road, SW1V 1DE / Prezzo: 30 – 108 GBP

L’ispirazione di Andrew Wong viene dai suoi viaggi attraverso le province della Cina e presenta le sue interpretazioni uniche dei piatti di tutte le sue regioni. È anche uno chef che non smette mai di evolvere le proprie creazioni e queste ora dimostrano straordinaria raffinatezza, creatività e intensità di sapori. Se vuoi provare l’intero repertorio di questa cucina di talento, scegli il menu “Taste of China” che ti porta in un viaggio culinario di 3 ore in tutto il paese. Il servizio curato aggiunge all’esperienza complessiva, con piatti spiegati per intero con evidente orgoglio. Locale ben arredato con più sale e possibilità di mangiare anche al banco. Apparecchiatura essenziale. Buona l’accoglienza. Servizio abbastanza professionale ma molto cordiale che rispetta comunque i canoni di un locale stellato. Qui la cucina cinese tradizionale è sapientemente rivisitata, in chiave contemporanea, dallo chef Wong: i sapori sono ben decifrabili, non è eccessivo l’uso delle spezie e del piccante, le consistenze sono interessanti e le presentazioni ben curate. Discreta la carta dei vini. 

Da provare:

Cetriolo “schiacciato” freddo con uova di trota, peperoncino e aceto all’aglio

Maialino da latte brasato Dong Po con riso viola e zenzero sottaceto

Acqua ghiacciata al cocco con nido d’uccello, gelsi macerati e yogurt

Creative

Da Terra **

www.daterra.co.uk / 8 Patriot Square, E2 9NF / Prezzo: 70 – 140 GBP

Da Terra si trova all’interno dell’interessantissimo hotel Town Hall, il cui edificio è un elegante palazzo in stile edoardiano che ospitava il municipio. Inizia la serata con un cocktail al bar mentre attendi il menu a sorpresa. I due chef, Rafael Cagali e Paulo Airaudo si sono conosciuti quando erano nella cucina del Fat Duck e ora si uniscono per servire sapori di ispirazione sudamericana con un cuore italiano.Lo chef Rafael Cagali proviene dal Brasile e il suo bisnonno era italiano, e queste influenze, insieme al tempo trascorso a lavorare in Spagna, si uniscono in piatti sapientemente realizzati e altamente originali basati sulla tradizione brasiliana. I colori esplodono, la presentazione è sorprendente e il menu si sviluppa magnificamente nel susseguirsi delle portate,  in trepidante attesa della prossima accattivante combinazione di sapori. I piatti vengono consegnati dagli chef con un dialogo minuzioso e appassionato, e gli abbinamenti dei vini sono scelti con cura, con ammirevole originalità. 

Da provare:

Capesante dell’isola di Mull, Granny Smith e finocchio

Carne di maiale New Forest con fagioli neri e farofa di manioca

Romeo e Giulietta

 

Skip to toolbar